Ricerca personaggio:
Oppure cerca per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Jean-Claude Van Damme sui motori di ricerca:

Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme

Video:

Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme

Foto:

Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme

News:

Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme

Audio:

Jean-Claude Van Damme
Jean-Claude Van Damme

Jean-Claude Van Damme (50)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Jean-Claude Camille François Van Varenberg
  • Data di nascita: 18 Ottobre 1960
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Bruxelles
  • Nazione: Belgio
  • Jean-Claude Van Damme in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Jean-Claude Van Damme
  • Wikipedia: Jean-Claude Van Damme su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Jean-Claude Van-Damme
    Jean-Claude Van-Damme - pseudonimo di Jean-Claude Camille François Van Varenberg - (Sint-Agatha-Berchem, 18 ottobre 1960) è un attore, regista e artista marziale belga.

    Biografia
    Gli inizi
    Nasce a Sint-Agatha-Berchem, comune bilingue della Regione di Bruxelles-Capitale. Da bambino era di costituzione gracile e a 12 anni si iscrive in palestra per fare sollevamento pesi. In seguito il padre lo iscrive ad un corso di Karate Shotokan tenuto dal maestro Claude Goetz: il giovane Van Damme si appassiona così alle arti marziali. Dai 13 ai 15 anni studia anche danza classica, su consiglio del maestro, per perfezionare l'elasticità fisica e a 18 anni apre la sua prima palestra, la "California Fitness Center". Passerà successivamente allo studio della boxe francese (Savate), del Taekwondo e della Kick Boxing.
    Nel 1981 ha una piccola parte nel film francese Rue Barbare, di Gilles Béhat: anche se il film non passa alla storia, l'esperienza lo entusiasma a tal punto che vende la sua palestra e con l'amico Michel Qissi si trasferisce a Los Angeles, in cerca di fortuna nel mondo del cinema. Ma come molti altri prima di loro, in attesa del successo i due amici sono costretti ad intraprendere i lavori più disparati: autisti, fattorini ed altro. Nel 1984 Van Damme ha una piccola parte nel film Monaco Forever di William A. Levey, e ha l'unico suo ingaggio conosciuto da stuntman: per Rombo di tuono (Missing in Action) di Joseph Zito. Insieme a Qissi ottiene un ruolo da comparsa nel film Breakdance (Breakin'), dove interpretano due bagnanti sulla spiaggia.
    Nel 1985 riesce ad ottenere un piccolo ruolo nel film Kickboxers - vendetta personale (No Retreat, No Surrender), di Corey Yuen, in cui interpreta Ivan Tresinsky, uno spietato lottatore russo. Malgrado interpretava un ruolo marginale, il film gli consente di mettersi in mostra, tanto che Arnold Schwarzenegger lo chiama per partecipare al film che sta girando: Predator.
    Le notizie su questa partecipazione di Van Damme a Predator sono molto vaghe e contrastanti. Alcune fonti, come la biografia di Jesse Ventura, attestano che l'attore belga fosse stato ingaggiato per vestire i panni della creatura aliena, ma essendosi presentato in ritardo sul set la sua parte viene data a Kevin Peter Hall; altre fonti invece dànno per avvenuta questa collaborazione, e che Van Damme abbia vestito i panni dell'alieno nel combattimento finale con Schwarzenegger. Altre ancora che per l'atleta belga si sarebbe trattato solo di un ruolo di stuntman.
    I film di arti marziali
    Van Damme decide di fare il salto di qualità, così a fine agosto 1986 si presenta agli uffici della "Cannon Films", la casa produttrice di Menahem Golan, entra nell'ufficio di Golan e mette in mostra la propria bravura esibendosi nelle sue tecniche migliori. Alcune fonti attestano invece che quest'episodio si sia svolto in un ristorante dove Golan stava mangiando, mentre Michel Qissi, con cui Van Damme è sbarcato in America, racconta che era presente anche lui.
    In ogni caso Golan rimane colpito dalla bravura dell'atleta belga, e sembra gli abbia proposto subito il ruolo da protagonista in un film che aveva sotto mano: Senza esclusione di colpi! (Bloodsport).
    Il film, girato da Newt Arnold, vede la presenza di famosi artisti marziali come Bolo Yeung, di Qissi stesso in un piccolo ruolo. Una volta girato, però, Van Damme scopre che Golan aveva programmato solamente l'uscita in home video per il film, e non quella nelle sale perché non credeva avrebbe riscosso grande successo. Sotto la pressione di Van Damme stesso il film esce prima a Parigi poi in Malesia, dove ottiene un ottimo risultato: così Golan si decide a distribuire il film, ma solo in alcune sale americane.
    Van Damme, deluso dall'esperienza, lascia la Cannon e firma contratti con altre case, sperando così di poter ottenere un po' di fama. Ma poco tempo dopo Senza esclusione di colpi! risulta essere un campione d'incassi, riscuotendo successo in tutta America, tanto che Golan richiama a sé l'attore belga. Ma ormai Van Damme ha firmato dei contratti con altre case che non può disdire.
    Esce così Aquila Nera (Black Eagle, 1988), di Eric Karson, dove recita al fianco di un altro famoso artista marziale, Shō Kosugi, e dove ha la possibilità di coreografare i combattimenti.
    Nel 1989 esce Cyborg, di Albert Pyun, film girato usando i set preparati per il sequel di Masters of the Universe, mai girato a causa dell'insuccesso del film di Gary Goddard. Ma il grande successo arriva solo con Kickboxer - il nuovo guerriero, di Mark DiSalle e David Worth, che lancia la moda della Kickboxing nei film di arti marziali.
    Nel 1990 sperimenta anche il genere "carcerario", senza però successo, con Colpi proibiti (Death Warrant, di Deran Sarafian). Sempre nel 1990 Van Damme gira uno spot pubblicitario di 14 minuti per Gianni Versace Jeans, apparso in "tagli" di diversa durata. Lo stesso anno esce Lionheart - Scommessa vincente, uno dei suoi film più famosi, dove riprende la storia di L'eroe della strada di Walter Hill con Charles Bronson. Il film vede il ritorno dell'amico Michel Qissi nel piccolo ruolo di Moustafà, mentre il cattivo Atilla è interpretato da Abdel Qissi, fratello di Michel.
    Nel 1991 esce l'ultimo film di arti marziali di Van Damme: Double impact - la vendetta finale. Girato ad Hong Kong, il film vede Van Damme nel doppio ruolo di due fratelli, contro un nemico illustre: il famoso artista marziale cinese Bolo Yeung.
    I film d'azione
    Durante la lavorazione di Double Impact, ad Hong Kong Van Damme incontra il famoso regista asiatico John Woo, e gli esprime il desiderio di poter interpretare un suo film. Sulle prime il regista è dubbioso, visto che è abituato ai ritmi asiatici di lavorazione ed il fatto che non parla inglese, ma alla fine si convince e scrittura Van Damme per il proprio debutto statunitense: Senza Tregua (Hard Target, 1992).
    Negli anni successivi altri famosi registi asiatici hanno debuttato negli USA con film interpretati da Van Damme, anche se con scarso esito: Tsui Hark con Double Team - gioco di squadra (Double Team, 1997) e Hong Kong colpo su colpo (Knock Off, 1998); e Ringo Lam con The Replicant (2001) e In Hell (2003).
    Nel 1996 Van Damme cerca di tornare al genere di arti marziali esaudendo un suo vecchio desiderio: dirigere ed interpretare un film. Il titolo in questione è il poco fortunato La prova (The Quest), un insieme di temi e personaggi dei suoi precedenti film.
    Vita coniugale
    Dal 1978 al 1984 Van Damme è sposato con Maria Rodriguez, dalla quale divorzia per sposare Cynthia Derderian l'anno successivo. Divorzierà lo stesso anno per sposare la culturista Gladys Portugues. Da lei ha due figli, Blanche (1987) e Kristopher Van Varenberg (1990). Quest'ultimo è anche apparso nel film Derailed. Nel settembre 1992 divorzia da Gladys per sposare, l'anno dopo, la fotomodella Darcy LaPier, amica di Gladys, dalla quale ha un altro figlio, Nicholas. Ma nel 1997 divorzia anche da lei, per sposare di nuovo, il 25 giugno 1999, Gladys Portugues.
    Van Damme in tribunale

    Contro Tara Le Blanc


    Nel 1992, al termine delle riprese di Senza tregua, Van Damme viene citato dal tribunale di New Orleans, dove si erano svolte le riprese del film, per violenza carnale nei confronti di una ragazza di nome Tara Le Blanc, la quale chiede un risarcimento di alcuni milioni di dollari.
    L'episodio sarebbe avvenuto all'Hotel Windsor Court di New Orleans. I giornali statunitensi riportano che l'attore, in compagnia di una ballerina il cui nome è rimasto segreto, avrebbe fatto irruzione nella stanza dove la Le Blanc si trovava insieme con il suo fidanzato, aggredendola sessualmente.

    Contro Jackson Pinckney


    Nel 1993 ha subìto un processo a Fayetteville, nel North Carolina, per risarcimento danni da parte di Jackson Pinckney, uno stuntman del film Cyborg.
    Pinckney ha chiesto 800.000 dollari per danni fisici, in quanto ha perso un occhio per colpa di una scena d'azione che si è trasformata in incidente. Secondo lo stuntman l'attore belga avrebbe esagerato in una tecnica con un coltello, al fine di rendere più plausibile il combattimento: così facendo ha ferito seriamente lo stuntman. Gli avvocati di Van Damme hanno sostenuto invece che l'incidente sarebbe stato principalmente fortuito, e che sarebbe accaduto anche perché Pinckney si trovava nel posto sbagliato al momento dello scontro.
    Van Damme, inoltre, testimonia di essersi accorto subito dell'incidente, una volta capito che lo stuntman si era ferito, e di aver fermato le riprese per soccorrerlo. Ma la controparte chiama a testimoniare Chuck Allen, esperto di arti marziali presente durante l'accaduto, il quale dà una versione completamente diversa. Allen infatti non solo racconta che l'attore belga si è allontanato subito dalla scena dell'incidente, senza dire una parola, ma che in altre occasioni aveva usato eccessiva violenza nei colpi inferti agli avversari sul set, sempre per dare più realismo alle scene. Lo stesso Pinckney testimonia come Van Damme brandisse in modo pericoloso il coltello durante la ripresa, infrangendo le norme di sicurezza. Per confermare la tesi, l'accusa mostra alcuni articoli in cui Van Damme stesso si vanta con gli intervistatori di usare tecniche vere sul set, e di portarle fino in fondo.

    Malgrado la difesa faccia testimoniare Dale Frye, uno stuntman dello stesso film che dichiara di non aver avuto problemi con l'attore belga, la giuria condanna Van Damme ad un risarcimento di 487.500 dollari per aver intenzionalmente ferito Jackson Pinckney. Il 10 luglio 2000 Van Damme viene condannato per guida in stato di ebbrezza, episodio avvenuto a Beverly Hills il 23 settembre 1999.
    Salute
    Van Damme ha avuto problemi con la cocaina durante il 1995, e seguì un programma di riabilitazione della durata di un mese nel 1996, ma lo abbandonò dopo solo una settimana. Ha inoltre dichiarato di soffrire di disturbo bipolare.
    Filmografia
    Rombo di tuono (1984) - Stuntman
    Monaco Forever (1984)
    Breakdance (1984) - Cameo
    Kickboxers - Vendetta personale (1985)
    Senza esclusione di colpi! (1988)
    Aquila Nera (1988)
    Cyborg (1989)
    Kickboxer - Il nuovo guerriero (1989)
    Lionheart - Scommessa vincente (1990)
    Colpi proibiti (1990)
    Double Impact - La vendetta finale (1991)
    I nuovi eroi - Universal Soldier (1992)
    Accerchiato (1993)
    Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (1993) - Cameo
    Senza tregua (1993)
    Timecop - Indagine dal futuro (1994)
    Street Fighter - Sfida finale (1994)
    A rischio della vita (1995)
    La prova (1996)
    Maximum Risk (1996)
    Double Team - Gioco di squadra (1997)
    Hong Kong colpo su colpo (1998)
    The Legionary - Fuga all'inferno (1998)
    Universal Soldier (1999)
    Fino all'inferno (1999)
    The Replicant (2001)
    The Order (2001)
    Derailed (2002)
    In Hell (2003)
    Wake of Death (2005)
    Second in Command (2006)
    The Hard Corps (2006)
    Sinav (2006)
    Until Death (2007)
    The Shepherd - Pattuglia di confine (2008)
    JCVD (2008)
    Curiosità
    Nel 1997 conquista un Razzie Awards quale membro della peggior coppia cinematografica in compagnia di Dennis Rodman per Double Team - Gioco di squadra.
    Nel 2003 partecipa al video musicale di Bob Sinclar "Kiss my eyes".
    Bibliografia
    Stephen Gunn. Bruce & Brandon Lee: i segreti del cinema di arti marziali. Milano, Sperling & Kupfer, 1998. ISBN 882002643088I98
    Lorenzo De Luca. Gli eredi di Bruce Lee. Roma, Edizioni Mediterranee, 2000. ISBN 882721349X
    Simone Bedetti e Lorenzo De Luca. Il cinema secondo Van Damme. Roma, Castelvecchi Editore, 2000. ISBN 8882101770
    Note

      ^ (EN) Biography Jean Claude Van Damme. Vandamme.ru. URL consultato il 19-05-2008.
      ^ (EN) Bipolar disorder, Cocaine and Abuse Charges. About.com: Bipolar Disorder, 08-07-2006. URL consultato il 19-05-2008.

    Voci correlate
    Michel Qissi
    Collegamenti esterni
    (EN) Sito ufficiale
    (FR) Jean-Claude Van Damme Website
    (EN) FanDamme.net
    Scheda su Jean-Claude Van Damme dell'Internet Movie Database
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jean-Claude_Van_Damme"
    Categorie: Biografie | Attori belgi | Registi belgi | Artisti marziali belgi | Nati nel 1960 | Nati il 18 ottobreCategorie nascoste: BioBot | Voci con curiosità da riorganizzare

    « Torna al 18 Ottobre
    Link utili: Aggiungi Auguri.net ai preferiti | Feed RSS Feed RSS | Add to Google | Versione Wap